Prima stazione di ricarica veloce per auto elettriche: si parte da Inseli (LU) in A2

Berna, 26.06.2020 - Il 26 giugno 2020 è stata inaugurata la prima stazione di ricarica veloce per veicoli elettrici presso un’area di sosta autostradale. Nel corso dei prossimi 10 anni ne seguiranno altre 99 sull’intera rete, come previsto dalla Roadmap mobilità elettrica 2022 promossa dalla Confederazione. Includendo anche le aree di servizio, in totale saranno disponibili 160 postazioni e circa 600 punti di ricarica.

La Confederazione, in linea con la roadmap firmata a fine 2018 insieme a esponenti di Cantoni e città nonché rappresentanti del settore per promuovere la mobilità elettrica, è impegnata nella realizzazione di stazioni di ricarica veloce presso le aree di sosta della rete stradale nazionale. L'infrastruttura specifica, elemento fondamentale per l'espansione dei veicoli elettrici, deve prevedere sistemi universali e non discriminatori, vale a dire: consentire l'erogazione compatibile con diverse tipologie di connettori; garantire accesso e pagamento non vincolati all'apertura di un account utente; accettare le carte di credito usate in Svizzera.

Il pieno di elettricità presso l'area di sosta Inseli

Situata lungo la A2 (direzione Lucerna) in territorio del Comune di Eich, sul lago di Sempach, l'area può ospitare 47 automobili ed è la prima della rete nazionale a disporre di colonnine di ricarica veloce, quattro nello specifico, gestite da Primeo Energie e Alpiq E-Mobility AG.

Il coordinamento fra gestore e Ufficio federale delle strade (USTRA), dalla pianificazione alla realizzazione, è stato estremamente efficiente, permettendo l'entrata in servizio dell'impianto a soli quindici mesi dall'appalto, grazie al tempestivo inserimento nel progetto di ristrutturazione dell'area dei lavori di allacciamento elettrico e scavo delle condotte per cablaggi.

Importanza della mobilità elettrica per la Svizzera

Un obiettivo della Strategia energetica 2050 è di limitare a 95 grammi di CO2 per chilometro le emissioni prodotte dalle automobili nuove a partire da inizio 2020, obiettivo che vede un contributo significativo dell'elettrico.

A fine 2019 la quota di veicoli di questo tipo sul totale delle autovetture (6 160 262) era pari allo 0,6 per cento (28 716 unità). Rispetto all'anno precedente, fra i mezzi di nuova immatricolazione la trazione elettrica è più che raddoppiata: 13 197 unità nel 2019, ovvero un aumento del 143,9 per cento (che equivale al 4,2 per cento delle neoimmatricolazioni).

Colonnine di ricarica veloce nelle aree di sosta della rete nazionale

Le condizioni giuridiche per le stazioni di ricarica veloce sulle aree di sosta sono state introdotte nella legge sulle strade nazionali in sede di dibattito parlamentare sul Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA). L'USTRA si impegna affinché nei prossimi anni le strade nazionali siano dotate di una rete globale e capillare di impianti efficienti, collocati su un totale di 100 aree di sosta e affidati a gestori selezionati. Includendo le aree di servizio (di competenza cantonale o privata), l'obiettivo a regime nel 2030 è la disponibilità di circa 600 punti di ricarica per complessive 160 stazioni.

Fra le otto candidature pervenute durante la gara avviata a settembre 2018 ne sono state selezionate cinque per l'aggiudicazione dell'appalto a inizio marzo 2019: Gottardo Fastcharge SA, Groupe e SA, Fastned B.V., Primeo Energie / Alpiq E-Mobility AG e SOCAR Energy Switzerland GmbH. A ciascuna di queste ditte sono assegnate 20 aree di sosta da attrezzare. Le autorizzazioni hanno durata trentennale. I costi per la predisposizione di potenze elettriche adeguate in loco, stimati a circa 50 milioni di franchi (circa mezzo milione per area) saranno prefinanziati dall'USTRA e restituiti dai gestori mediante apposito canone.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio stampa USTRA, 058 464 14 91; media@astra.admin.ch


Pubblicato da

Ufficio federale delle strade USTRA
http://www.astra.admin.ch

https://www.astra.admin.ch/content/astra/it/home/documentazione/comunicati-stampa/anzeige-meldungen.msg-id-79608.html