Misure adottate

Terza corsia dinamica

L'attivazione della corsia dinamica (PUN) è una misura di gestione del traffico che consente di convertire la corsia d'emergenza in corsie di marcia per brevi tratti e durante le ore di punta, in modo da migliorare il flusso del traffico e ridurre l'inquinamento ambientale.

Dal bilancio del progetto pilota condotto a Morges-Ecublens è emerso che, con il sistema PUN attivo:

  • la fluidità del traffico migliora (assenza di code);
  • la percentuale di incidenti si riduce in generale del 15% e, a livello locale, fino all'80%;
  • le emissioni di sostanze nocive si riducono del 20% nelle immediate vicinanze delle strade. 

L'introduzione di questo sistema è previsto anche nelle seguenti regioni: Argovia, Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Winterthur, Zurigo.

Pannenstreifen-Umnutzung Symbolbild

Divieto di sorpasso per mezzi pesanti su determinati tratti

I sorpassi fra mezzi pesanti sulle autostrade a due corsie determinano notevoli riduzioni di velocità della circolazione sulla corsia di sorpasso. Le distanze tra i veicoli si accorciano e il traffico rallenta. soprattutto nelle ore di punta o in salita ciò comporta notevoli disagi alla circolazione. Nelle gallerie più strette i mezzi pesanti in sorpasso ingombrano la visuale della segnaletica ai veicoli che seguono. Inoltre, gli incidenti in galleria possono avere conseguenze molto gravi. L'USTRA ritiene quindi di dover intervenire applicando divieti di sorpasso per mezzi pesanti a livello locale.

Il divieto interessa i tratti caratterizzati da un volume di veicoli e da una percentuale di traffico pesante particolarmente elevati, sui tratti in salita e nelle gallerie più lunghe. Di norma, il provvedimento scatta in funzione del volume di traffico, ovvero a livello locale e temporaneo.

Riduzione temporanea progressiva delle velocità massime consentite su singoli tratti autostradali

Stando alle ricerche più recenti, un tratto autostradale raggiunge la sua capacità massima quando i veicoli circolano a una velocità di circa 85 km/h.

Su determinati tratti autostradali è possibile fluidificare il traffico riducendo progressivamente il limite di velocità da 120 a 100 o a 80 km/h. In molti casi, il conseguente aumento di capacità è sufficiente a ritardare il formarsi di code e a ridurne l'entità.

Attualmente, circa 85 chilometri di strade risultano dotati di sistemi di deviazione del traffico per la riduzione temporanea della velocità massima. La maggior parte di questi impianti si trova sull'asse ovest-est tra Ginevra e St. Margrethen, fortemente trafficato.

Su circa 30 chilometri, l'adeguamento della velocità massima consentita avviene in modo automatico in base al volume di traffico rilevato, mentre sui restanti tratti, in particolare nelle gallerie, intervengono gli operatori delle varie centrali di gestione del traffico locali.

Misura adottata

Nei prossimi anni gli impianti esistenti saranno progressivamente automatizzati e potenziati su una lunghezza complessiva di 400 km. Questa misura interesserà i tratti autostradali  Ginevra-Losanna e Luterbach-Härkingen, regolarmente intasati, gli agglomerati di Berna, Basilea, Lucerna e San Gallo nonché l'area metropolitana di Zurigo.

Attenzione: non si tratta di una limitazione permanente e capillare bensì di interventi temporanei e locali, volti a impedire la formazione di code.

Corsie supplementari

Il Consiglio federale intende preservare e migliorare la funzionalità della rete delle strade nazionali. Per eliminare il problema delle code occorre intervenire su determinati punti nevralgici, ampliando in particolare le infrastrutture degli agglomerati.

Per approfondimenti consultare la pagina:

https://www.astra.admin.ch/content/astra/it/home/temi/strade-nazionali/verkehrsfluss-stauaufkommen/misure-adottate.html