Estensione della scadenza del primo controllo periodico di autovetture e motoveicoli

Berna, 21.01.2015 - Le autovetture e i motoveicoli devono essere sottoposti a controlli periodici. Considerato l’elevato livello di affidabilità dei veicoli ormai raggiunto grazie ai progressi tecnologici nel settore, il Consiglio federale ha deciso di prolungare a cinque anni dalla prima immatricolazione il termine per la prima revisione periodica. Inoltre saranno estesi i criteri per il rilascio di targhe professionali.

In futuro, le autovetture e i motoveicoli dovranno essere sottoposti ai controlli periodici presso gli uffici della circolazione stradale non prima di cinque anni, e al più tardi entro sei, dalla prima messa in circolazione. La decisione del Consiglio federale punta così ad aggiornare la normativa all'evoluzione tecnologica del settore. Le autovetture e i motoveicoli immatricolati oggi presentano standard qualitativi considerevolmente più elevati rispetto a venti anni fa, quando furono introdotte le scadenze di revisione attualmente in vigore. A confermare questa tendenza sono sia le liste dei guasti compilate dagli uffici della circolazione stradale sia le statistiche degli incidenti: dai dati della Polizia emerge infatti come i guasti e difetti dei veicoli siano la causa principale d'incidente in meno dell'1% dei casi. La proroga della prima scadenza riduce inoltre l'onere imposto ai detentori di veicoli.

I rimorchi di trasporto leggeri con un peso totale massimo di 750 kg saranno esentati dall'obbligo di revisione periodica, mentre per i rimorchi di peso medio (massa totale superiore a 750 kg e inferiore a 3,5 tonnellate) il terzo intervallo e tutti i successivi si riducono di un anno.

Sarà compito dei Cantoni adottare le misure necessarie per garantire il rispetto delle scadenze, ad esempio mettendo a disposizione le capacità necessarie o esternalizzando i controlli a centri privati. Le modifiche entreranno in vigore il 1° febbraio 2017, lasciando ai Cantoni tempo sufficiente per adeguarsi al cambio di sistema.

Contestualmente alle modifiche varate dal Consiglio federale, saranno introdotti anche i requisiti tecnici aggiornati dell'UE in materia di emissioni acustiche dei motoveicoli. A partire dal 2017 si potrà pertanto vietare l'immatricolazione di motoveicoli dotati di sistemi che servono soltanto ad aumentarne la rumorosità (dispositivi per la regolazione dei silenziatori di scarico).

Un'ulteriore novità, che entrerà in vigore già il 1° aprile 2015, riguarda il rilascio di targhe per concessionarie: fra i criteri per determinare il numero di targhe da assegnare a ogni azienda, in futuro rientrerà anche il numero di veicoli a motore leggeri venduti. In questo modo, anche le concessionarie con sola attività di vendita potranno ottenere più targhe professionali da utilizzare per i giri di prova con i potenziali acquirenti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio stampa dell’Ufficio federale delle strade
+41 58 464 14 91



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale delle strade USTRA
http://www.astra.admin.ch

https://www.astra.admin.ch/content/astra/it/home/documentazione/comunicati-stampa/anzeige-meldungen.msg-id-55961.html