Vignetta per bici abolita dal 2012

Berna, 12.10.2011 - Dall’inizio dell’anno prossimo, le bici non dovranno più essere munite del contrassegno per velocipedi. Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha adottato le relative modifiche d’ordinanza. In futuro, i ciclisti che causano dei danni ne dovranno rispondere tramite la propria assicurazione di responsabilità civile o personalmente.

Lo scorso autunno, mediante una modifica alla legge federale sulla circolazione stradale (LCStr), il Parlamento ha deciso di abolire l’assicurazione di responsabilità civile obbligatoria per i ciclisti (contrassegno per velocipedi) e, nel contempo, di adeguare l’obbligo di copertura del Fondo nazionale di garanzia. Questi cambiamenti hanno richiesto la rielaborazione di diverse ordinanze in materia di circolazione stradale. Le modifiche proposte hanno riscosso un ampio consenso nel quadro di un’indagine conoscitiva svolta dall’Ufficio federale delle strade (USTRA) da metà aprile a metà giugno 2011. Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha adottato le modifiche alle ordinanze interessate che entreranno in vigore il 1º gennaio 2012. A partire da questa data, in Svizzera le biciclette non dovranno più essere munite della vignetta. In futuro, i ciclisti che causano dei danni ne dovranno rispondere tramite la propria assicurazione di responsabilità civile o personalmente.

L’abolizione della vignetta per le biciclette va anche a vantaggio dei detentori dei veicoli a motore che finora erano equiparati ai velocipedi per quanto riguarda la responsabilità civile e l’assicurazione. Si tratta delle biciclette elettriche fino a una velocità massima di 25 km/h, dei carri a mano provvisti di motore, di alcuni monoassi e delle sedie a rotelle con motore elettrico con una velocità massima di 10 km/h. L’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione di responsabilità civile è mantenuto per i ciclomotori e le biciclette elettriche che superano i 25 km/h.

L’attuazione non dovrebbe porre particolari problemi dato che in Svizzera la maggior parte delle persone dispone già di un’assicurazione di responsabilità civile privata. L’USTRA lancerà una campagna informativa per richiamare l’attenzione dei ciclisti che non rientrano in questa categoria sulla mancanza di copertura che si profila.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio stampa dell'Ufficio federale delle strade, tel. 031 324 14 91, info@astra.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale delle strade USTRA
http://www.astra.admin.ch

https://www.astra.admin.ch/content/astra/it/home/documentazione/comunicati-stampa/anzeige-meldungen.msg-id-41706.html