Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

briciola di pane (breadcrumb trail)

Fine navigatore



Boom delle biciclette elettriche: aumento della sicurezza e semplificazione delle regole

Berna, 02.03.2012 - Il successo riscosso dalle biciclette elettriche (e-bike) e l’ampliamento della gamma di prodotti disponibili hanno spinto il Consiglio federale a semplificare le norme vigenti adeguandole all’evoluzione tecnologica. Presto, tutte le e-bike con una potenza massima di 500 watt faranno parte della categoria ciclomotori leggeri. Senza l’azionamento dei pedali, queste biciclette potranno raggiungere i 20 km/h, con pedalata assistita i 25 km/h. Le biciclette più veloci avranno una pedalata assistita limitata a 45 km/h e l’uso del casco sarà obbligatorio. Queste, le modifiche decise in data odierna dal Consiglio federale.

Anche in futuro le biciclette elettriche saranno considerate «ciclomotori». Tuttavia, per tener conto dell’evoluzione tecnologica e aumentare la sicurezza, in data odierna il Consiglio federale ha adeguato l’ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) e l’ordinanza sulle norme della circolazione stradale (ONC) nel seguente modo:

  • «Ciclomotori leggeri»
    Le e-bike classificate in questa categoria dovranno avere una potenza massima di 500 watt invece dei 250 watt attuali, e, con il solo motore, non dovranno superare i 20 km/h («velocità massima per costruzione»). La velocità massima raggiunta con la pedalata assistita, invece, resta invariata a 25 km/h. Per motivi di sicurezza il casco è raccomandato ma non obbligatorio. Come le biciclette, i ciclomotori leggeri non devono essere immatricolati né necessitano di una targa.
  • Altri «ciclomotori»
    Le e-bike con una potenza massima tra 500 e 1000 watt o una velocità massima per costruzione dai 20 ai 30 km/h, oppure una pedalata assistita che funzioni anche a una velocità di 25 – 45 km/h, saranno considerate ciclomotori e necessiteranno della targa corrispondente. Dal 1° luglio 2012 per questa categoria sarà obbligatorio indossare un casco omologato per bicicletta (se la pedalata assistita permette di raggiungere una velocità superiore ai 25 km/h) o, come finora, un casco omologato per ciclomotore (se la velocità massima per costruzione è superiore ai 20 km/h).

Tutte le modifiche entreranno in vigore il 1° maggio 2012. Oltre alle nuove disposizioni sulle biciclette elettriche, nel quadro della revisione dell’ordinanza sono state proposte anche le seguenti modifiche e semplificazioni:

Equipaggiamento di sicurezza dei veicoli a motore

  • In Svizzera, le automobili immatricolate per la prima volta dovranno essere equipaggiate con sistemi di avvertimento e di assistenza alla guida supplementari (ad es. sistemi antibloccaggio e sistemi di assistenza alla frenata di emergenza, sistemi di regolazione della dinamica di guida, sistemi di controllo della pressione degli pneumatici e assistenti di mantenimento corsia). Queste novità saranno introdotte in varie fasi e in maniera coordinata con l’UE fino al 2014.
  • I seggiolini speciali integrati nei veicoli dovranno offrire un livello di protezione equiparabile a quelli acquistati separatamente. Al momento, per i primi sono prescritte unicamente cinture addominali. La nuova normativa si applica ai veicoli ammessi alla circolazione per la prima volta o modificati in modo corrispondente dal 1° agosto 2012.
  • Le autovetture, gli autocarri, i furgoni e gli autobus dovranno essere equipaggiati, come nell’UE, di luci di circolazione diurna. L’obbligo varrà per i veicoli di nuova omologazione a partire dal 1° ottobre 2012.

Importazione diretta semplificata

L’importazione diretta di autovetture nuove dall’UE sarà semplificata. In determinate circostanze, l’esame del veicolo prima dell’immatricolazione non sarà più obbligatorio. In presenza di un certificato di conformità europea («CoC»), dal 1° maggio 2012 i servizi della circolazione controlleranno solo che il veicolo e il CoC coincidano e rileveranno i dati necessari per l’emissione dei documenti del veicolo e la tassazione.

Per ulteriori informazioni:

Servizio stampa dell'Ufficio federale delle strade USTRA: tel. 031 324 14 91

Pubblicato da

Il Consiglio federale
Internet: http://www.admin.ch/br/index.html?lang=it
Ufficio federale delle strade USTRA
Internet: http://www.astra.admin.ch
Segreteria generale DATEC
Internet: http://www.uvek.admin.ch/index.html?lang=it